MANCINELLI, UNA CITTADELLA SANITARIA ALL’EX UMBERTO I: A PRIMAVERA 2019 LA FINE DEI LAVORI
23 maggio 2018

Questa mattina il sindaco ricandidato ha effettuato un sopralluogo nel cantiere: “Presto una vera e propria cittadella sanitaria con servizi di cui i cittadini di Ancona hanno fortemente bisogno. Così si riqualifica una parte importante della città”

Settanta posti letto destinati a residenza protetta per anziani, residenza sanitaria assistita e ad hospice, ma anche cinque piani di ambulatori di medicina generale e specialistica per fornire alla città servizi sanitari potenziati rispetto a quelli attualmente offerti dal Poliambulatorio di Viale della Vittoria.

Prende forma la cittadella sanitaria che l’Asur sta realizzando nei padiglioni 1 e 2 dell’ex Umberto I, con importanti novità emerse questa mattina durante un sopralluogo effettuato nel cantiere dal sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime amministrative, per verificare, insieme al direttore generale della Azienda Sanitaria Alessandro Marini e al direttore dell’Area Vasta 2 Maurizio Bevilacqua, lo stato di avanzamento dei lavori.

“Si sta procedendo rapidamente – commenta Valeria Mancinelli – per arrivare alla consegna entro la primavera del prossimo anno. Sin dall’inizio del mandato abbiamo lavorato per sbloccare lo stallo in cui si trovava il progetto, seguendo attentamente la sua realizzazione. La ristrutturazione dei due padiglioni dell’ex Umberto I riqualifica non solo una parte importante della città, ma realizza una vera e propria cittadella sanitaria con un importante ampliamento dell’offerta dei servizi sanitari territoriali e del sistema residenziale per anziani, di cui i cittadini di Ancona hanno fortemente bisogno”.

Soddisfatto il direttore generale della Asur Marini: “Durante i lavori, d’intesa con il Comune, abbiamo chiesto ed ottenuto dalla Regione – spiega – l’autorizzazione a realizzare una struttura di hospice, riuscendo ad inserire in corsa otto posti letto dedicati all’accoglienza e all’assistenza dei malati terminali nelle ultime fasi di vita”.

All’interno del padiglione 1, che un tempo ospitava il pronto soccorso, verrà trasferito il Poliambulatorio del Viale potenziato da nuovi servizi e spazi raddoppiati. Cinquantaquattro ambulatori di medicina generale e specialistica saranno dislocati su 5 piani, con spazi per i trattamenti di riabilitazione e una palestra per la fisioterapia. Al pian terreno del padiglione, poi, verrà allestita una postazione per l’ambulanza, che, a distanza di oltre un decennio, torna in centro città.

Le strutture residenziali per anziani e l’Hospice saranno realizzate nel padiglione 2, dove ci sarà spazio anche per gli studi di medicina generale.

AMBIENTE E PATRIMONIO ARCHITETTONICO, VALERIA MANCINELLI CONTINUA AD ORIENTARE LA PROPRIA AZIONE VERSO LA SOSTENIBILITÀ E UNA CITTÀ SEMPRE PIÙ ATTRAENTE
21 maggio 2018

Avanti con l’arretramento degli stabilimenti di Portonovo, Emilia sta per presentare il progetto.
I temi al centro di un recente incontro con Italia Nostra.

La tutela e la valorizzazione del patrimonio naturale e architettonico sono temi centrali del programma del sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, che sin dall’inizio del mandato ha lavorato per una città sempre più sostenibile, rispettosa dell’ambiente e attraente.

L’arretramento degli stabilimenti di Portonovo, lato molo, la lotta all’inquinamento anche grazie al monitoraggio della qualità dell’aria e dell’esposizione ai pollini affidato all’allergologo Floriano Bonifazi, le due piste ciclabili Pietralacroce – Portonovo e stazione – piazza della Repubblica, ma anche il Parco archeologico del Colle Guasco, la nuova illuminazione a risparmio energetico e il piano con il quale Ancona si candida a diventare la capitale della mobilità sostenibile sono alcuni dei progetti già avviati con i quali Mancinelli intende proseguire la sua azione di governo.

Gli argomenti sono stati sviscerati nei giorni scorsi durante un incontro con Italia Nostra.

“E’ stato un confronto positivo – afferma il sindaco, candidato al secondo mandato – nel quale sono emersi diversi punti di contatto. Numerose le questioni trattate, tra le quali, in particolare, il futuro di Portonovo. Ho spiegato che è nostra intenzione andare avanti con l’iter per l’arretramento di stabilimenti e ristoranti dalla linea di costa e che Emilia, la cui struttura insiste su area di proprietà privata, sta per presentare il progetto. Differente la situazione per gli altri operatori che dovranno demolire e ricostruire lontano dalla spiaggia, ma su area demaniale. Un importante passo in avanti è comunque stato compiuto, con l’eliminazione degli abusi. Definito il contenzioso con il ristorante Anna, che è stato demolito, ora sappiamo chi e in che misura deve arretrare”.

Mancinelli ha poi affrontato l’argomento commissariamento Parco del Conero, che ha visto l’attuale amministrazione attivarsi esercitando un forte pressing sulla Regione per il suo superamento.

Numerose infine le azioni messe in campo, anche d’intesa con la Soprintendenza, per la riqualificazione del patrimonio architettonico.

“Mai come nell’ultimo anno – aggiunge Mancinelli – siamo riusciti a reperire così tante risorse per il recupero dei nostri preziosi siti, alle quali si aggiungono ben 3 milioni di euro messi a disposizione dalla Soprintendenza per l’Anfiteatro Romano”.

APL 4 DI PIETRALACROCE, MANCINELLI: “L’ACCORDO CON UBI È STATO FORMALIZZATO, DUNQUE LE RICHIESTE CONTENUTE NELLE LETTERE RICEVUTE DAI PROPRIETARI NON AVRANNO SEGUITO”
18 maggio 2018

“L’accordo con Ubi Banca, che ha accettato di applicare uno sconto del 60% sulle ipoteche ai residenti degli alloggi realizzati ed abitati dell’Apl 4 di Pietralaroce, è stato formalizzato. Le richieste contenute nelle lettere a firma dell’avvocato nominato dal giudice responsabile dell’esecuzione del pignoramento degli immobili della fallita Coopcasa Marche non avranno dunque seguito”. Così il sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, rassicura i cittadini che in questi giorni hanno ricevuto la comunicazione. “L’istituto di credito – precisa Mancinelli – non ha ancora avviato, ma lo farà nei prossimi giorni, le pratiche successive necessarie a concludere l’iter e dunque, nel frattempo, il procedimento in tribunale prosegue con i suoi passaggi formali. Voglio rassicurare tutti coloro che stanno vivendo questa difficile e dolorosa situazione, così come ho fatto personalmente durante gli incontri con i cittadini nella mia sede elettorale”.

L’accordo con Ubi era stato formalizzato dopo una lunga trattativa portata avanti da Valeria Mancinelli, in collaborazione con il pool di avvocati degli ex soci della Coop fallita. Prevede uno sconto del 60% sulle ipoteche delle abitazioni già pagate interamente dai proprietari, rinuncia agli interessi e la possibilità per chi si trova in difficoltà economiche di accendere un mutuo a tassi agevolati per ripianare il debito dilazionando i pagamenti.

OBIETTIVO SICUREZZA, MANCINELLI: NUOVI VIGILI, PRESIDI FISSI DI POLIZIA, RADDOPPIO DELLE TELECAMERE E LINEA RIGOROSA NEI CONFRONTI DI CHI NON RISPETTA LE REGOLE
18 maggio 2018

Potenziamento dei controlli, anche in collaborazione con la Polizia di Stato e i Carabinieri, ampliamento dell’organico dei Vigili Urbani, raddoppio del numero di telecamere di videosorveglianza, ma anche tolleranza zero nei confronti di chi non rispetta le regole, causando disagio alla cittadinanza. Sono le principali iniziative che il sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, intende mettere in campo per proseguire e completare l’azione di governo in materia di sicurezza.

Un tema centrale sin dall’inizio del mandato, che Mancinelli ha in programma di sviluppare anche attraverso gli interventi, già finanziati, di riqualificazione di alcuni quartieri, come gli Archi e la Palombella.

I nuovi progetti sono stati illustrati questa mattina dal sindaco, candidato al secondo mandato, in una conferenza stampa nella sede del suo Comitato.

“Ad Ancona – ha affermato Mancinelli – non c’è un’emergenza sicurezza, ma, come in tutta Italia, c’è un problema legato a fenomeni di degrado civile e sociale. Penso ad esempio agli episodi di ubriachezza molesta, di accattonaggio insistente, ai parcheggiatori abusivi o a quei locali nei quali si verificano problemi legati a fenomeni di inciviltà e disordine. Si tratta di situazioni che amplificano la percezione di insicurezza da parte della cittadinanza, nei confronti delle quali adotteremo misure rigorose”.

Il focus sui locali che non rispettano le regole ha rappresentato l’occasione per fornire precisazioni sul caso del Pippo Bar di via Sparapani, destinatario di un’ordinanza che ne ha limitato l’orario di apertura e chiusura.

“Premetto che non siamo assolutamente contro la vita notturna – ha detto Mancinelli – crediamo nella cosiddetta movida, ma riteniamo che iniziative di intrattenimento serale non debbano ledere il diritto dei cittadini a dormire sonni tranquilli. Il Pippo Bar negli anni si è distinto per innumerevoli violazioni del regolamento vigente, alle quali hanno fatto seguito una serie di sanzioni. Le ultime proteste, arrivateci da oltre un centinaio di residenti della zona che lamentavano situazioni di disturbo fino a tarda notte, ci hanno portato ad adottare il provvedimento restrittivo degli orari. Il titolare ha comunque presentato un’istanza nella quale chiede di anticipare alle 6.30 l’apertura e di prolungare l’orario di chiusura, sulla quale stiamo ragionando con un orientamento positivo sulla modifica dell’orario di apertura”.

Il pacchetto sicurezza prevede anche, come detto, l’aumento dei controlli, che Mancinelli intende realizzare potenziando, tra l’altro, il Corpo dei Vigili Urbani, nel quale entreranno a far parte 30 nuovi agenti, di cui 15 assunti a tempo indeterminato, che verranno impiegati soprattutto nei servizi su strada. Un ulteriore passo in avanti per aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini e implementare l’attività di prevenzione, a cui si aggiungeranno due presidi fissi di Polizia Municipale in piazza Ugo Bassi e piazza Pertini.

Infine il raddoppio del numero di telecamere, che nel corso del prossimo mandato saranno 200, da collocare nei punti nevralgici della città e delle frazioni rimasti scoperti. Dal 2015 ad oggi sono già state installate 64 telecamere ed altre 41 sono in fase di posizionamento, per un investimento complessivo di 160 mila euro.

In questo quadro si inseriscono gli interventi di riqualificazione della periferia Ingresso Nord della città e la realizzazione del progetto per la nuova piazza d’Armi. Una pianificazione strategica che, oltre a cambiare il volto della città, garantirà una maggiore vivibilità delle zone per le quali si prospetta un’importante trasformazione.

PRESENTATA LA SQUADRA DI ANCONA POPOLARE
12 maggio 2018

Una lista dal respiro riformista e popolare

Il presidente di Prometeo, Marco Gnocchini, presenta la squadra che si aggiunge alla coalizione in sostegno al candidato sindaco Valeria Mancinelli.

Trentuno nomi. Trentuno professioni che provengono dai più vari ambienti e sensibilità cittadine. Consulenti assicurativi, avvocati, medici, operai, e molti giovani. Infatti l’età media della lista supera di poco i 30 anni. Addirittura anche una 19enne, studentessa dell’Istvas, la più giovane candidata della città. Una rappresentante della comunità rumena e una della comunità albanese. Presenti in lista anche i consiglieri uscenti Matteo Vichi, Tommaso Sanna e Bona Finocchi.

<<Ancona Popolare ha l’ambizione di rappresentare le forze civiche-riformiste di questa città – ha tenuto a sottolineare Marco Gnocchini – ma soprattutto l’ambizione di poter guidare la coalizione in sostegno al candidato sindaco Valeria Mancinelli, che fino ad ora ha governato la città con progetti concreti e grande trasparenza. Per questo motivo il nostro apporto ha come obiettivo il completamento di un percorso di sviluppo e di crescita territoriale che Valeria Mancinelli ha ben avviato in questi primi cinque anni di governo>>.

Inizialmente la lista comprendeva anche la figura di Franco Brasili (presidente regionale Marche della Federazione Italiana Pallavolo), ma all’ultimo è stato costretto a ritirare la propria candidatura per motivi strettamente personali.

Nel dna di Ancona Popolare ci sono due gruppi: Uniti per Ancona (lista civico riformista) e Popolari per Ancona (lista civico-cattolica di tradizione Popolare). Tra i temi che stanno a cuore a questa nuova realtà politica cittadina c’è la sicurezza, il lavoro, e soprattutto lo sviluppo del territorio.

<<Ci troviamo a presentare una lista di qualità, composta da personalità dinamiche e con l’intento di proseguire un’azione di governo volta ad un ulteriore miglioramento e sviluppo del territorio>> ha detto Tommaso Sanna.

<<Questa lista nasce dall’esperienza positiva conseguita in questi primi cinque anni alla guida del capoluogo – ha fatto seguito il consigliere uscente Matteo Vichi – crediamo che unire le forze per questa nuova sinergia sia la migliore opportunità per la città>>.

<<Da presidente della Commissione Sanità abbiamo affrontato temi cruciali per Ancona – ha affermato la consigliera Bona Finocchi – stimo il sindaco Mancinelli e ritengo che sia il candidato migliore per il conseguimento di obiettivi strategici al servizio del territorio>>.

La lista è così composta:

1 – Sanna Tommaso
Consigliere uscente

2 – Vichi Matteo
Consigliere uscente

3 – Finocchi Bona
Consigliere uscente e dirigente medico in pensione

4 – Gnocchini Marco
Presidente Estra Prometeo

5 – Ancarani Elisa
Studentessa universitaria

6 – Bastari Michela
Operatrice per l’infanzia

7 – Brocanelli Leonardo
Operaio

8 – Bruno Claudia
Studentessa Istvas

9 – Canali Giorgio
Avvocato

10 – Coco Emanuela
Casalinga

11 – Duranti Emanuela
Commerciante

12 – Finaurini Fabiana
Volontario civico

13- Fofiu Andreea Letitia (detta Fiona)
Infermiera

14 – Gattafoni Franco
Operatore scolastico e blogger

15 – Giuliani Mauro
Dipendente conerobus

16 – Hodo Ilda
Cuoca

17 – Kajio Karafile
Assicuratrice

18 – Koubi Sanaa
promoter

19 – Krakulli Klara
Studentessa universitaria

20 – Leoni Flavio
Studente universitario

21 – Marchegiani Astrid
Consulente del lavoro

22 – Marzoli Daniela
Funzionaria Asur

23 – Mazzini Alberto Tersino
Dipendente Regione Marche

24 – Merola Caterina
Commerciante e organizzatrice eventi

25 – Occhinero Antonio
Vicepresidente Upa Pittori (società pugilistica anconetana)

26 – Pacella Alberto
Funzionario Regione Marche

27 – Petrocchi Sabrina
Consulente legale

28 – Savio Giuseppe
Vigile urbano

29 – Trignani Roberto
Neurochirurgo

30 – Villani Angelo
Avvocato

31 – Vincenzi Mattia
Agente di commercio

APL 4 DI PIETRALACROCE, FORMALIZZATO L’ACCORDO CON UBI BANCA: IPOTECHE RIDOTTE DEL 60%, INTERESSI AZZERATI E PAGAMENTI DILAZIONATI
7 maggio 2018

Mancinelli: “Abbiamo ottenuto il massimo, anche se il dramma resta”

Uno sconto del 60% sulle ipoteche delle abitazioni già pagate interamente dai proprietari, rinuncia agli interessi e la possibilità per chi si trova in difficoltà economiche di accendere un mutuo a tassi agevolati per ripianare il debito dilazionando i pagamenti.
Sono le condizioni che Ubi Banca ha formalmente accettato di riservare ai residenti degli alloggi realizzati ed abitati dell’Apl 4 di Pietralacroce, ritrovatisi con un’ipoteca sulla casa nonostante avessero già pagato per intero gli appartamenti, a causa del fallimento di Coopcasa Marche.
L’accordo è stato formalizzato nei giorni scorsi dopo una lunga trattativa portata avanti dal sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, in collaborazione con il pool di avvocati degli ex soci beffati.
“Ci siamo impegnati a risolvere questa difficile situazione – afferma Mancinelli – consapevoli della dolorosa situazione che stavano vivendo le tante famiglie rimaste vittima del fallimento della cooperativa, riuscendo ad ottenere il massimo. Di più non si poteva fare, anche se il dramma resta”.

In seguito al fallimento e alla liquidazione della Coopcasa Marche, che aveva già costruito e venduto, accanto al Forte Altavilla, una cinquantina di alloggi di edilizia popolare a fronte dei 200 previsti dal progetto, Ubi Banca aveva acquisito le ipoteche mai estinte e si era rivolta direttamente agli acquirenti, che avevano già saldato per l’intero l’acquisto delle abitazioni, per il recupero delle somme.

Sicurezza, pulizia, manutenzione, arredo e decoro urbano. Sono i principali temi trattati questa mattina nell’incontro del sindaco Valeria Mancinelli, ricandidato alle prossime elezioni, con i commercianti di corso Mazzini organizzato nella sede del Comitato per confrontarsi su un percorso condiviso di valorizzazione della via nel cuore del centro storico.

Un incontro utile e propositivo, al quale era presente anche l’assessore alle Attività Produttive Ida Simonella, ricco di idee, spunti e proposte concrete per dar seguito alle questioni sollevate dai commercianti intervenuti.

Tra le azioni ipotizzate e che hanno riscosso notevole consenso, in particolare, un nuova illuminazione per la parte bassa di corso Mazzini da realizzare nell’ambito del progetto I.T.I. Waterfront, ma anche il coinvolgimento diretto dei commercianti, con il sostegno del Comune, nella manutenzione delle fioriere, nei piccoli interventi di decoro urbano e nell’organizzazione di eventi.

“Nell’incontro – afferma Mancinelli – è emersa un’importante condivisione di intenti e la volontà di proseguire insieme per portare avanti azioni coordinate, alcune delle quali verranno attuate nell’immediato. Mi riferisco, in particolare, agli interventi che riguardano la cura e l’abbellimento di corso Mazzini”.

Quanto alla nuova illuminazione, importante per coniugare i profili estetici alle esigenze di sicurezza, il candidato sindaco ha lanciato l’idea di riqualificare gli attuali impianti verificando la possibilità di estendere alla parte bassa di corso Mazzini l’intervento previsto dal progetto I.T.I. Waterfront, con cui l’amministrazione è riuscita a conquistare 6 milioni di euro per Ancona.