VITA NOTTURNA, MANIFESTAZIONI DI PORTATA REGIONALE E MUSICA FINO A TARDA NOTTE NELLE ZONE LONTANE DAI CENTRI RESIDENZIALI. PREVISTO ANCHE UN NUOVO SPAZIO ALLA MOLE. MANCINELLI: “COSI’ CONTINUIAMO AD ACCENDERE LA CITTA”
24 maggio 2018

Il sindaco ricandidato illustra le iniziative per far crescere Ancona nel rispetto dell’intera comunità. A settembre due giorni di musica e incontri con grandi artisti e ed esperti da tutta Italia per disegnare insieme la vita notturna del capoluogo

Sostegno all’apertura di locali in zone della città, come la Baraccola o il porto antico, lontane dai centri residenziali e quindi particolarmente adatte ad ospitare il divertimento notturno e la musica fino a tarda notte, ma anche supporto all’animazione nelle zone urbane residenziali nelle prime fasce orarie della sera, con l’obiettivo di trovare un punto di equilibrio tra le esigenze degli esercenti e la serenità dei residenti. Sono alcuni dei punti centrali del programma con cui il sindaco Valeria Mancinelli, ricandidato alle prossime amministrative, intende favorire lo sviluppo di una vita notturna che negli ultimi anni, grazie anche al dialogo con molti operatori, ha ricevuto nuove forti occasioni di crescita.

Molteplici, ma soprattutto mirati e significativi gli interventi in programma a sostegno della musica e dell’intrattenimento serale, capace di portare valore aggiunto all’intera comunità nel rispetto delle esigenze di tutti: dall’allestimento alla Mole di una nuova ala dedicata all’intrattenimento fino a tarda notte, alla concessione di incentivi economici a favore dalla musica dal vivo, fino al supporto a progetti temporanei di qualità.

Le azioni per promuovere una vita notturna sempre più di qualità sono state illustrate questa mattina, in conferenza stampa, dal sindaco in corsa per il secondo mandato e dall’assessore alla Cultura e alle Politiche giovanili Paolo Marasca. Presenti il candidato al Consiglio Comunale di “Ancora X Ancona” Giacomo Domenichelli ed alcuni dei principali operatori del mondo culturale e musicale cittadino.

“I progetti concreti messi in campo in questi anni e l’attività di promozione dei differenti e numerosi eventi confermano del tutto credibilmente che – ha affermato Valeria Mancinelli – non solo non vogliamo spegnere la città, ma che anzi, dopo averla accesa, è nostra intenzione vivacizzarla ancor di più. Quanto alla fascia oraria notturna, vogliamo affrontare il tema da città capoluogo e con un duplice sguardo al territorio che implica di portare avanti i progetti di intrattenimento, compatibilmente con le esigenze di tutta la comunità”.

Ha aggiunto l’assessore Marasca: “In questi anni abbiamo lavorato insieme agli operatori per mettere a fuoco le potenzialità di sviluppo di Ancona. La vita notturna non è un insieme di persone scatenate da contenere, ma un fattore di grande crescita per tutta la comunità, di cui la musica rappresenta uno degli elementi rilevanti”.

In questo contesto si inserisce la due giorni di musica e incontri sul tema dell’intrattenimento serale, in agenda il 14 e 15 settembre, la cui direzione artistica verrà affidata a Mauro Ermanno Giovanardi, voce dei La Crus. Giovanardi sarà ad Ancona, insieme ad artisti del calibro dei Marlene Kuntz, degli Almamegreta, di Cristina Donà ed altri grandi della scena musicale per offrire spettacolo, ma anche confrontarsi, in collaborazione con produttori, esperti musicali, promoters e giornalisti di settore provenienti da tutta Italia, con le realtà del territorio sulla vita notturna ai nostri giorni e sulle possibili soluzioni per la città di Ancona. Gli artisti si esibiranno animando la kermesse anconetana, occasione anche per testare l’andamento della programmazione musicale tra il centro città e, in notturna, alla Mole.

Valeria Mancinelli punta dunque a proseguire sulla strada intrapresa nel primo mandato, nel corso del quale il capoluogo ha visto emergere manifestazioni di portata regionale, spesso frutto di collaborazioni tra operatori, artisti e associazioni, o di un desiderio cittadino che ha trovato spazio di azione in luoghi rigenerati. Le esperienze a Forte Scrima, Portobello, Hip Nic, progetto quest’ultimo a cui il Comune ha fornito anche economicamente il suo contributo, e Oltre Mole ne rappresentano esempi emblematici.

Il sostegno ad eventi singoli, quali serate speciali, rassegne, attività in spazi rigenerati o di particolare interesse è uno dei filoni su cui si intende investire come elemento caratterizzante della vita notturna dorica, sulla scia di quanto fatto sinora.

Tante le novità in programma per un’Ancona sempre più viva la sera, che saranno sostenute da un piano di trasporto pensato appositamente per facilitare gli spostamenti in occasione degli eventi. In agenda, quest’estate, la prima sperimentazione urbana con Mobilità & Parcheggi pronta a mettere a disposizione un trenino, con partenza dal parcheggio degli Archi, che collegherà La Mole al Teatro delle Muse e a piazza del Papa, per proseguire poi verso il porto antico, nel caso in cui i gestori di Ticiporto ne faranno richiesta.

PALOMBARE, VIA ALLA NUOVA PIAZZA E SVOLTA SUL GESTORE DEL TELERISCALDAMENTO
24 maggio 2018

Valeria Mancinelli ha incontrato ieri sera i residenti del quartiere. Proseguono gli interventi di qualificazione; certezze nella continuità del servizio di teleriscaldamento che passa da Thermas ad Estra

Affidamento entro un mese dei lavori per la nuova piazza delle Palombare e soluzione del problema riguardante il teleriscaldamento che preoccupava i cittadini del quartiere. Questi i punti centrali emersi dall’incontro con i residenti tenuto ieri sera dal sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, nella sede ex II Circoscrizione. Un dibattito partecipato che si è svolto in un clima disteso e di grande condivisione, in presenza anche del vicesindaco Pierpaolo Sediari, degli assessori Paolo Manarini e Stefano Foresi e del presidente della Commissione urbanistica Matteo Vichi.

La nuova piazza sorgerà nello spazio antistante la caserma della polizia municipale, in via dell’Industria, e comprenderà un’area giochi per bambini, uno spazio verde e una nuova struttura per gli esercizi commerciali; è stato già indetto il bando per la realizzazione dei lavori che saranno affidati entro un mese. “Un impegno preso all’inizio del mandato e che avevamo previsto realisticamente di concretizzare entro i 5 anni – ha detto Mancinelli – un nuovo importante spazio di aggregazione che darà un contributo significativo alla qualificazione del quartiere”.

Nel corso dell’incontro Valeria Mancinelli ha inoltre comunicato l’intenzione della multiutility Estra di acquisire il ramo di azienda di Thermas relativo al teleriscaldamento. Una importante rassicurazione per i residenti, preoccupati che l’attuale situazione di difficoltà di Thermas, società che gestisce la fornitura del teleriscaldamento alle abitazioni, potesse causare uno stop del servizio. Un risultato significativo sottolineato da Mancinelli: “Siamo soddisfatti anche del fatto che le scelte compiute riguardo il riassetto delle partecipate abbiano consentito di avere un partner importante come Estra, che oggi si propone come acquirente di Thermas, dando certezza e sicurezza di continuità del servizio alle famiglie che usufruiscono del teleriscaldamento”.

Nel corso dell’incontro sono stati illustrati gli interventi già realizzati e quelli previsti in materia di manutenzione delle strade, cura del verde, miglioramento della viabilità. Previsto il recupero dei parcheggi che andranno necessariamente persi con l’arrivo della piazza, utilizzando le aree non sfruttate dai lottizzanti e altri spazi all’interno del quartiere. Inoltre, si sta studiando la realizzazione di una terza via d’accesso all’area delle Palombare, che metterà in collegamento la parte terminale di via dell’Industria con via della Montagnola. Tra gli impegni in programma, il progetto di sistemazione di piazza Pezzotti. In arrivo poi la nuova illuminazione led da via Barilatti a via Pezzotti passando per via Maggini, il rifacimento dei passaggi pedonali e l’affidamento per il rifacimento del manto stradale da via Maggini a via Pezzotti. Lanciata infine l’idea di un progetto pilota per l’educazione ambientale e pulizia dei marciapiedi, che coinvolgerà i residenti, AnconAmbiente e gli ausiliari volontari.

MANCINELLI, UNA CITTADELLA SANITARIA ALL’EX UMBERTO I: A PRIMAVERA 2019 LA FINE DEI LAVORI
23 maggio 2018

Questa mattina il sindaco ricandidato ha effettuato un sopralluogo nel cantiere: “Presto una vera e propria cittadella sanitaria con servizi di cui i cittadini di Ancona hanno fortemente bisogno. Così si riqualifica una parte importante della città”

Settanta posti letto destinati a residenza protetta per anziani, residenza sanitaria assistita e ad hospice, ma anche cinque piani di ambulatori di medicina generale e specialistica per fornire alla città servizi sanitari potenziati rispetto a quelli attualmente offerti dal Poliambulatorio di Viale della Vittoria.

Prende forma la cittadella sanitaria che l’Asur sta realizzando nei padiglioni 1 e 2 dell’ex Umberto I, con importanti novità emerse questa mattina durante un sopralluogo effettuato nel cantiere dal sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime amministrative, per verificare, insieme al direttore generale della Azienda Sanitaria Alessandro Marini e al direttore dell’Area Vasta 2 Maurizio Bevilacqua, lo stato di avanzamento dei lavori.

“Si sta procedendo rapidamente – commenta Valeria Mancinelli – per arrivare alla consegna entro la primavera del prossimo anno. Sin dall’inizio del mandato abbiamo lavorato per sbloccare lo stallo in cui si trovava il progetto, seguendo attentamente la sua realizzazione. La ristrutturazione dei due padiglioni dell’ex Umberto I riqualifica non solo una parte importante della città, ma realizza una vera e propria cittadella sanitaria con un importante ampliamento dell’offerta dei servizi sanitari territoriali e del sistema residenziale per anziani, di cui i cittadini di Ancona hanno fortemente bisogno”.

Soddisfatto il direttore generale della Asur Marini: “Durante i lavori, d’intesa con il Comune, abbiamo chiesto ed ottenuto dalla Regione – spiega – l’autorizzazione a realizzare una struttura di hospice, riuscendo ad inserire in corsa otto posti letto dedicati all’accoglienza e all’assistenza dei malati terminali nelle ultime fasi di vita”.

All’interno del padiglione 1, che un tempo ospitava il pronto soccorso, verrà trasferito il Poliambulatorio del Viale potenziato da nuovi servizi e spazi raddoppiati. Cinquantaquattro ambulatori di medicina generale e specialistica saranno dislocati su 5 piani, con spazi per i trattamenti di riabilitazione e una palestra per la fisioterapia. Al pian terreno del padiglione, poi, verrà allestita una postazione per l’ambulanza, che, a distanza di oltre un decennio, torna in centro città.

Le strutture residenziali per anziani e l’Hospice saranno realizzate nel padiglione 2, dove ci sarà spazio anche per gli studi di medicina generale.

AMBIENTE E PATRIMONIO ARCHITETTONICO, VALERIA MANCINELLI CONTINUA AD ORIENTARE LA PROPRIA AZIONE VERSO LA SOSTENIBILITÀ E UNA CITTÀ SEMPRE PIÙ ATTRAENTE
21 maggio 2018

Avanti con l’arretramento degli stabilimenti di Portonovo, Emilia sta per presentare il progetto.
I temi al centro di un recente incontro con Italia Nostra.

La tutela e la valorizzazione del patrimonio naturale e architettonico sono temi centrali del programma del sindaco di Ancona Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, che sin dall’inizio del mandato ha lavorato per una città sempre più sostenibile, rispettosa dell’ambiente e attraente.

L’arretramento degli stabilimenti di Portonovo, lato molo, la lotta all’inquinamento anche grazie al monitoraggio della qualità dell’aria e dell’esposizione ai pollini affidato all’allergologo Floriano Bonifazi, le due piste ciclabili Pietralacroce – Portonovo e stazione – piazza della Repubblica, ma anche il Parco archeologico del Colle Guasco, la nuova illuminazione a risparmio energetico e il piano con il quale Ancona si candida a diventare la capitale della mobilità sostenibile sono alcuni dei progetti già avviati con i quali Mancinelli intende proseguire la sua azione di governo.

Gli argomenti sono stati sviscerati nei giorni scorsi durante un incontro con Italia Nostra.

“E’ stato un confronto positivo – afferma il sindaco, candidato al secondo mandato – nel quale sono emersi diversi punti di contatto. Numerose le questioni trattate, tra le quali, in particolare, il futuro di Portonovo. Ho spiegato che è nostra intenzione andare avanti con l’iter per l’arretramento di stabilimenti e ristoranti dalla linea di costa e che Emilia, la cui struttura insiste su area di proprietà privata, sta per presentare il progetto. Differente la situazione per gli altri operatori che dovranno demolire e ricostruire lontano dalla spiaggia, ma su area demaniale. Un importante passo in avanti è comunque stato compiuto, con l’eliminazione degli abusi. Definito il contenzioso con il ristorante Anna, che è stato demolito, ora sappiamo chi e in che misura deve arretrare”.

Mancinelli ha poi affrontato l’argomento commissariamento Parco del Conero, che ha visto l’attuale amministrazione attivarsi esercitando un forte pressing sulla Regione per il suo superamento.

Numerose infine le azioni messe in campo, anche d’intesa con la Soprintendenza, per la riqualificazione del patrimonio architettonico.

“Mai come nell’ultimo anno – aggiunge Mancinelli – siamo riusciti a reperire così tante risorse per il recupero dei nostri preziosi siti, alle quali si aggiungono ben 3 milioni di euro messi a disposizione dalla Soprintendenza per l’Anfiteatro Romano”.

APL 4 DI PIETRALACROCE, MANCINELLI: “L’ACCORDO CON UBI È STATO FORMALIZZATO, DUNQUE LE RICHIESTE CONTENUTE NELLE LETTERE RICEVUTE DAI PROPRIETARI NON AVRANNO SEGUITO”
18 maggio 2018

“L’accordo con Ubi Banca, che ha accettato di applicare uno sconto del 60% sulle ipoteche ai residenti degli alloggi realizzati ed abitati dell’Apl 4 di Pietralaroce, è stato formalizzato. Le richieste contenute nelle lettere a firma dell’avvocato nominato dal giudice responsabile dell’esecuzione del pignoramento degli immobili della fallita Coopcasa Marche non avranno dunque seguito”. Così il sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, rassicura i cittadini che in questi giorni hanno ricevuto la comunicazione. “L’istituto di credito – precisa Mancinelli – non ha ancora avviato, ma lo farà nei prossimi giorni, le pratiche successive necessarie a concludere l’iter e dunque, nel frattempo, il procedimento in tribunale prosegue con i suoi passaggi formali. Voglio rassicurare tutti coloro che stanno vivendo questa difficile e dolorosa situazione, così come ho fatto personalmente durante gli incontri con i cittadini nella mia sede elettorale”.

L’accordo con Ubi era stato formalizzato dopo una lunga trattativa portata avanti da Valeria Mancinelli, in collaborazione con il pool di avvocati degli ex soci della Coop fallita. Prevede uno sconto del 60% sulle ipoteche delle abitazioni già pagate interamente dai proprietari, rinuncia agli interessi e la possibilità per chi si trova in difficoltà economiche di accendere un mutuo a tassi agevolati per ripianare il debito dilazionando i pagamenti.

OBIETTIVO SICUREZZA, MANCINELLI: NUOVI VIGILI, PRESIDI FISSI DI POLIZIA, RADDOPPIO DELLE TELECAMERE E LINEA RIGOROSA NEI CONFRONTI DI CHI NON RISPETTA LE REGOLE
18 maggio 2018

Potenziamento dei controlli, anche in collaborazione con la Polizia di Stato e i Carabinieri, ampliamento dell’organico dei Vigili Urbani, raddoppio del numero di telecamere di videosorveglianza, ma anche tolleranza zero nei confronti di chi non rispetta le regole, causando disagio alla cittadinanza. Sono le principali iniziative che il sindaco Valeria Mancinelli, ricandidata alle prossime elezioni, intende mettere in campo per proseguire e completare l’azione di governo in materia di sicurezza.

Un tema centrale sin dall’inizio del mandato, che Mancinelli ha in programma di sviluppare anche attraverso gli interventi, già finanziati, di riqualificazione di alcuni quartieri, come gli Archi e la Palombella.

I nuovi progetti sono stati illustrati questa mattina dal sindaco, candidato al secondo mandato, in una conferenza stampa nella sede del suo Comitato.

“Ad Ancona – ha affermato Mancinelli – non c’è un’emergenza sicurezza, ma, come in tutta Italia, c’è un problema legato a fenomeni di degrado civile e sociale. Penso ad esempio agli episodi di ubriachezza molesta, di accattonaggio insistente, ai parcheggiatori abusivi o a quei locali nei quali si verificano problemi legati a fenomeni di inciviltà e disordine. Si tratta di situazioni che amplificano la percezione di insicurezza da parte della cittadinanza, nei confronti delle quali adotteremo misure rigorose”.

Il focus sui locali che non rispettano le regole ha rappresentato l’occasione per fornire precisazioni sul caso del Pippo Bar di via Sparapani, destinatario di un’ordinanza che ne ha limitato l’orario di apertura e chiusura.

“Premetto che non siamo assolutamente contro la vita notturna – ha detto Mancinelli – crediamo nella cosiddetta movida, ma riteniamo che iniziative di intrattenimento serale non debbano ledere il diritto dei cittadini a dormire sonni tranquilli. Il Pippo Bar negli anni si è distinto per innumerevoli violazioni del regolamento vigente, alle quali hanno fatto seguito una serie di sanzioni. Le ultime proteste, arrivateci da oltre un centinaio di residenti della zona che lamentavano situazioni di disturbo fino a tarda notte, ci hanno portato ad adottare il provvedimento restrittivo degli orari. Il titolare ha comunque presentato un’istanza nella quale chiede di anticipare alle 6.30 l’apertura e di prolungare l’orario di chiusura, sulla quale stiamo ragionando con un orientamento positivo sulla modifica dell’orario di apertura”.

Il pacchetto sicurezza prevede anche, come detto, l’aumento dei controlli, che Mancinelli intende realizzare potenziando, tra l’altro, il Corpo dei Vigili Urbani, nel quale entreranno a far parte 30 nuovi agenti, di cui 15 assunti a tempo indeterminato, che verranno impiegati soprattutto nei servizi su strada. Un ulteriore passo in avanti per aumentare la percezione di sicurezza dei cittadini e implementare l’attività di prevenzione, a cui si aggiungeranno due presidi fissi di Polizia Municipale in piazza Ugo Bassi e piazza Pertini.

Infine il raddoppio del numero di telecamere, che nel corso del prossimo mandato saranno 200, da collocare nei punti nevralgici della città e delle frazioni rimasti scoperti. Dal 2015 ad oggi sono già state installate 64 telecamere ed altre 41 sono in fase di posizionamento, per un investimento complessivo di 160 mila euro.

In questo quadro si inseriscono gli interventi di riqualificazione della periferia Ingresso Nord della città e la realizzazione del progetto per la nuova piazza d’Armi. Una pianificazione strategica che, oltre a cambiare il volto della città, garantirà una maggiore vivibilità delle zone per le quali si prospetta un’importante trasformazione.