INVESTIMENTI NELLE STRUTTURE, QUALITÀ DEI SERVIZI, PROGETTI PER AMARE LA CITTÀ. MANCINELLI: “FORTE IMPEGNO PER UNA SCUOLA SEMPRE PIÙ ACCOGLIENTE”

All’incontro con gli operatori l’apprezzamento per le azioni intraprese dall’amministrazione, l’assessore Borini: “Condivisione fondamentale. La scuola fa cultura: difendiamo insieme questo valore”

Investimenti sulle strutture e sulla qualità dei servizi, tanti progetti per far crescere nei ragazzi l’orgoglio e la cura per la propria città, dialogo costante con insegnanti, dirigenti e genitori. Il lavoro per una scuola sempre più inclusiva continua ad essere al centro dell’azione politica del sindaco Valeria Mancinelli, candidata al secondo mandato, e della sua squadra.

“In questi 5 anni abbiamo dato massima attenzione sia alla sicurezza degli edifici sia alla qualità servizi – commenta Valeria Mancinelli – attivando un circuito virtuoso di dialogo diretto con chi opera negli istituti, con risultati molto positivi. L’obiettivo è consolidare questo processo, favorendo un sempre maggior coinvolgimento per una scuola sempre più accogliente e lungimirante”.

Un approccio che ha dato i suoi frutti, come emerso anche nel recente incontro organizzato nella sede elettorale nell’obiettivo di ascoltare aspettative e proposte dagli operatori. Erano presenti l’assessore alle Politiche educative Tiziana Borini, la dirigente dell’Istituto Comprensivo Grazie – Tavernelle Elisabetta Micciarelli, la dirigente del Cittadella – Margherita Hack Daniela Romagnoli, insegnati e genitori. Forte apprezzamento per l’operato dell’amministrazione è stato espresso dai dirigenti scolastici, che hanno sottolineato il fatto di aver trovato ascolto e attenzione: “La condivisione e la collaborazione fattiva – commenta Borini – sono strumenti molto efficaci per recuperare l’autentico valore della scuola, che è quello di fare cultura. Un valore che va difeso e che non possiamo rischiare di perdere”. L’attivazione di una conferenza permanente tra amministratori e dirigenti è stato lo strumento tecnico che ha consentito questo dialogo sempre aperto e diretto. Da sottolineare anche gli Stati generali della scuola, iniziativa avviata lo scorso anno con successo per coinvolgere i 900 insegnanti della città in una giornata a loro dedicata e che verrà riproposta anche quest’anno: l’appuntamento è per il 6 settembre al Teatro delle Muse.

Per quanto riguarda gli edifici, nell’ultimo quinquennio è stato stanziato un totale di 5 milioni e 350mila euro per interventi di ristrutturazione e adeguamento sismico; è stata costruita ex novo la scuola primaria Socciarelli del Pinocchio, mentre partiranno in estate i lavori per la ricostruzione delle Mercantini di Palombina; già finanziato il secondo stralcio dei lavori che partiranno entro l’anno alle Savio di via Torresi. C’è attenzione costante al servizio mense, con sempre maggiore diffusione del biologico, gare improntate al continuo miglioramento del servizio e l’attivazione di un nucleo tecnico, con impiego di personale interno, per il monitoraggio nelle scuole.

Tanti i progetti relativi in particolare all’ambiente e realizzati per valorizzare il senso di appartenenza e la cura della propria città; tra questi il Piedibus, che è andato sempre crescendo e oggi coinvolge circa 200 famiglie, il progetto che ha visto bambini, insegnanti e genitori impegnarsi attivamente per il decoro della città e l’Eco-school, con un’attività di educazione ambientale grazie alla quale i bimbi hanno potuto dare il loro contributo al punteggio per l’assegnazione della Bandiera Blu ad Ancona. L’impegno è anche perché l’impronta dei bambini sia sempre più visibile in città: va in questa direzione la creazione di angoli gioco nei parchi e nelle piazze (in arrivo quello di piazza Diaz).

SUONA ANCONA: 100 MUSICISTI DORICI PER LA CHIUSURA DELLA CAMPAGNA ELETTORALE DI VALERIA MANCINELLI

Venerdì in piazza Cavour va in scena la grande festa dei talenti della cittàVenerdì in piazza Cavour va in scena la grande festa dei talenti della città

Valeria Mancinelli sceglie di chiudere la campagna elettorale valorizzando i tanti musicisti dorici che da sempre animano il tessuto artistico cittadino. S’intitola Suona Ancona l’happenig che, venerdì sera, dalle 18 alle 23, vedrà 100 artisti esibirsi in un maxi-concerto. Una serata, condotta da Paolo Notari, che punta a tenere alta l’attenzione sul territorio, continuando a dare visibilità alle tante espressioni musicali del capoluogo.

“Ancona è una città che spicca per grande fermento musicale . Lo dimostrano – commenta Mancinelli – le varie associazioni e gli spazi che il Comune mette a disposizione dei giovani, come Officina Ancona Musica. Abbiamo talenti che hanno ottenuto grande riscontro a livello nazionale e internazionale ed altri che, forse un giorno, raggiungeranno la stessa notorietà. Sono poi tanti i musicisti che, per diletto, contribuiscono a mantenere vivo il circuito artistico cittadino. A tutti loro, ad un’Ancona ricca di cultura e sempre più viva è dedicata questa serata”.

Solisti e band, dal rock al pop, dalle cover dei grandi successi internazionali e degli evergreen alle produzioni originali: l’Ancona musicale sarà protagonista di questo spettacolo che metterà in prima linea i tanti artisti, professionisti e amatoriali, impegnati nel mondo culturale della città.

MANCINELLI, COLLEGAMENTO PORTO – VARIANTE SS16: LA SVOLTA AL VAGLIO DELL’ANAS
1 giugno 2018

Opere migliorative su Via Conca: nuove rotatorie e attraversamenti per rendere fluido il traffico e restituire vivibilità al quartiere di Torrette

La svolta per collegare il porto alla grande viabilità arriva dalla realizzazione dell’ultimo miglio, la nuova strada di collegamento tra la variante alla Statale 16 e la Flaminia fino al by pass della Palombella. Nel frattempo si prevedono opere di miglioria su via Conca: la realizzazione di altre due rotatorie, la prima all’altezza della confluenza tra via Metauro e via Conca e la seconda all’incrocio tra via Conca e via Flaminia, a cui si aggiungono un sovrappasso tra il parcheggio gratuito di via Metauro e l’ospedale di Torrette e un sottovia carrabile e pedonale su via Esino che sottopassa via Conca.

Sono i progetti, illustrati questa mattina dal sindaco Valeria Mancinelli, ricandidato alle prossime amministrative, insieme all’assessore ai Lavori pubblici Paolo Manarini, per risolvere il problema del collegamento A14 – porto, agevolando contemporaneamente i flussi che provengono dall’area nord e ridare respiro a Torrette .

“Si tratta di opere fondamentali – ha spiegato Mancinelli – pensate per restituire vivibilità al quartiere di Torrette, riducendo al minimo l’impatto ambientale. La fattibilità della nuova arteria porto – Variante SS16 è al vaglio dell’Anas, che si farà carico della sua realizzazione. E’ovvio che la tempistica non sarà immediata, ma riteniamo che l’ipotesi di tracciato indicata dal Comune sia la soluzione più fattibile e sostenibile economicamente per collegare il porto all’autostrada senza dover spianare le case. Nel frattempo, per alleviare il peso del traffico che sta mettendo a dura prova gli abitanti di Torrette, abbiamo messo in agenda una serie di interventi mirati ad alleggerire la viabilità su via Conca e contrastare la pressione sul quartiere”.

Scendendo nei dettagli, la strada di collegamento con il porto s’innesterà sulla Flaminia passando dietro l’ospedale di Torrette, per poi proseguire, attraverso due gallerie e un tratto in trincea, fino alla variante alla SS16- località Taglio di Barcaglione su una rotatoria in sostituzione dell’attuale svincolo. Lungo la Flaminia, dunque, allargata a seguito della rettifica della linea ferroviaria che si sposterà di verso il mare, convivrebbero due strade distinte e separate da una fascia verde: una dedicata alla viabilità cittadina verso Torrette, nella zona dove attualmente corrono i binari, e l’altra nell’attuale Flaminia, destinata a diventare il nuovo percorso di collegamento del porto alla grande viabilità.

Nell’attesa degli sviluppi per la realizzazione della grande opera, Mancinelli ha in programma una serie di interventi per mettere in sicurezza via Conca e rendere fluido il traffico di Torrette, dando un apporto favorevole alle condizioni ambientali del quartiere. Le nuove soluzioni prevedono l’eliminazione di tutti i semafori, sostituti da rotatorie, sottovia e sovrappassi.

Una prima rotatoria, con corsia d’ingresso all’ospedale, è prevista alla confluenza tra via Metauro e via Conca. La sua realizzazione consentirà, a chi arriva da nord, di accorciare il tragitto per raggiungere la cittadella sanitaria regionale, ma anche di entrare direttamente nel parcheggio gratuito di fronte all’ospedale e di immettersi su via Metauro, attraversando così il quartiere senza dover necessariamente transitare su via Conca.

Oltre al sovrappasso tra il parcheggio di via Metauro e l’ospedale, il cui progetto definitivo è già stato approvato, per un importo complessivo di 645 mila euro, il sindaco in corsa per il secondo mandato prevede anche di realizzare un sottovia alto tre metri, sia carrabile che pedonale, su via Esino per riconnettere le due zone di Torrette oggi separate da una strada di scorrimento, mediante attraversamenti in tutta sicurezza. Per l’opera è stato realizzato uno studio di fattibilità, effettuato dopo accurati accertamenti, quali ispezioni della rete idrica sotterranea e indagini con il georadar per localizzare i sottoservizi. Il suo costo dovrebbe aggirarsi intorno al milione di euro.

MANCINELLI, GRANDE ATTENZIONE ALLE FRAZIONI: IN PROGRAMMA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E NUOVE OPERE. AL VIA LA MESSA IN SICUREZZA DELLA CHIESA DI PATERNO
30 maggio 2018

Un impegno da 337mila euro per i lavori che inizieranno a settembre

Sempre alta l’attenzione sulle frazioni, per le quali si prevedono nuovi interventi di riqualificazione e nuove opere. Il sindaco Valeria Mancinelli, in corsa per il secondo mandato, prosegue la sua azione di governo mettendo al centro del programma ulteriori azioni volte allo sviluppo delle frazioni. In questo contesto, si sta definendo l’appalto per la messa in sicurezza della chiesa di Santa Maria Assunta a Paterno, che da alcuni anni presenta problematiche acuite dai recenti eventi sismici. Il via ufficiale ai lavori previsto a settembre.

L’amministrazione, nel quinquennio della giunta Mancinelli, ha reperito i fondi necessari per far partire definitivamente l’intervento. E ora si entra nella fase concreta, con una cifra impegnata pari a 337mila euro iva inclusa.

“L’attenzione che abbiamo riversato agli immobili in disuso o, come in questo caso, danneggiati dal tempo – afferma Valeria Mancinelli – coinvolge soprattutto le frazioni, da sempre monitorate e tenute in forte considerazione. La messa in sicurezza della chiesa di Paterno fa parte di un percorso concreto che questa amministrazione ha avviato fin dai suoi primi giorni. E che, dopo aver reperito i fondi necessari, entra nel pieno della sua attività seguendo un programma ben preciso e prestabilito”.

L’intervento progettato mira a ridurre tutte le vulnerabilità specifiche riscontrate durante i sopralluoghi, al fine di salvaguardare la pubblica incolumità e tutelare le parti più danneggiate quali la facciata principale, l’abside, il campanile e la cappella laterale. L’intervento, locale e temporaneo, non interessa tutta la chiesa, ma singole parti ed elementi della struttura danneggiati dalle intemperie e dal sisma del 2016 che ha coinvolto maggiormente il campanile.

La messa in sicurezza della chiesa si sviluppa con la posa di un insieme sistematico di legname, profili in acciaio e tiranti disposti in modo da contenere le spinte derivanti dai cinematismi di collasso rilevabili. In particolare la facciata principale sarà trattenuta da tre ordini di profili in acciaio, tenuti in sicurezza da idonee catene che, a loro volta, saranno ancorate alle murature esistenti mediante piastra metallica e barre rafforzate in ghisa.

In particolare gli interventi consistono nello smontaggio controllato della muratura, per non incorrere in problematiche con le altre abitazioni nelle immediate vicinanze. Secondo gli addetti ai lavori sarebbe questa la metodologia migliore per ridurre i rischi ed eseguire la demolizione in presenza di persone all’interno delle loro case.

LA NOSTRA IDEA DI SCUOLA: L’ASSESSORE BORINI INCONTRA DIRIGENTI, INSEGNANTI E GENITORI PER CONDIVIDERE NUOVI PERCORSI ED INIZIATIVE
30 maggio 2018

L’iniziativa si terrà giovedì 31 maggio, dalle 17.30 alle 19.30, nella sede del Comitato per Valeria Mancinelli sindaco

I progetti per una scuola sempre più partecipata, accogliente e sicura saranno al centro, domani, giovedì 31 maggio, di un confronto tra l’assessore all’Istruzione Tiziana Borini e dirigenti scolastici, genitori ed insegnanti. L’incontro, per condividere nuovi percorsi ed iniziative da sviluppare nel prossimo futuro, si terrà dalle 17.30 alle 19.30 nella sede del Comitato elettorale di Valeria Mancinelli, sotto la Galleria Dorica. Oltre all’assessore Borini, che illustrerà i tanti progetti di educazione civica ed ambientale realizzati con successo nell’ultimo quinquennio, interverrà la dirigente dell’Istituto Comprensivo Grazie – Tavernelle Elisabetta Micciarelli. L’obiettivo è quello di raccogliere proposte ed aspettative di tutti gli attori della vita scolastica, per promuovere, in un clima di collaborazione e fiducia, nuove attività dedicate ad arricchire la formazione degli studenti.

EX ANGELINI: A NOVEMBRE IL TERMINE DEI LAVORI DI BONIFICA
28 maggio 2018

Prosegue l’opera di messa in sicurezza dell’area Ex Angelini alla Palombella. L’ultima consegna lo scorso 9 maggio, data da cui decorreranno i 180 giorni previsti per l’ultimazione dei lavori (4 novembre 2018). Dallo sfalcio, potatura e sgombero della vegetazione infestante le aree a cielo aperto, alla bonifica delle strutture contenenti amianto, si prosegue con il piano di lavoro avviato nel 2016.

La prima consegna parziale delle aree di cantiere a novembre dell’anno scorso, per l’accesso in sicurezza di mezzi e uomini nell’intera area. A marzo di quest’anno sono stati consegnati esclusivamente gli edifici “B” e “C”, per intenderci quelli posti alle spalle dell’edificio “A” situato lungo la Flaminia, e le aree a cielo aperto relative agli stessi. Una volta ottenute tutte le autorizzazioni, in particolare quelle relative al piano di lavoro per la rimozione dell’amianto (da ASUR), è stato consegnato il 9 maggio di quest’anno l’edificio “A” dove sono previste le lavorazioni di rimozione dei materiali contenenti amianto (lastre di copertura e controsoffitto, comignoli, tubi discendenti e vasche).

«Continuiamo con le attività e i lavori di bonifica come previsto dal piano lavori – afferma il candidato sindaco Valeria Mancinelli – e oggi maturano concretamente gli impegni che abbiamo assunto circa due anni fa, all’avvio dell’iter amministrativo che porta alla messa in sicurezza dell’area Ex Angelini».

Inoltre l’amministrazione ha aperto, a suo tempo, un dialogo con la Sovrintendenza riguardo il vincolo che insiste sull’intero complesso. Attualmente il vincolo architettonico prevede che lo stabile non possa essere demolito. Ma il percorso avviato con la Sovrintendenza è mirato ad individuare quelle aree effettivamente meritevoli di tutela, così da svincolarne altre consentendone la demolizione.

In estrema sintesi i lavori finalizzati alla messa in sicurezza del sito riguardano: la rimozione dei materiali contenenti amianto; la rimozione dei materiali ferrosi presenti; la rimozione di altri potenziali rifiuti; la chiusura degli accessi alle aree interne del sito con elementi fissi e inamovibili per evitare fenomeni di occupazione e per prevenire problemi sanitari, di sicurezza e di ordine pubblico.